Semi e parole

silvia-molinari

SEMI E PAROLE
una settimana per la poesia
dal 23 al 28 maggio 2017

Eccoci arrivati alla quarta edizione di SEMI E PAROLE, l’iniziativa che la libreria RADICE-LABIRINTO dedica alla poesia.
Quest’anno SEMI E PAROLE si svolgerà all’interno della libreria con 4 appuntamenti imperdibili.

“La poesia è così: rivela il mondo sotto la superficie e i fili che uniscono le cose l’une alle altre; non la si può trattenere a lungo, ma ciò che lascia dentro di noi ha il chiarore della rivelazione.
La poesia per un bambino è ovunque, la trova senza riconoscerla nei piccoli incanti di ogni giorno, nella luce che illumina la stanza, nella felicità di un pomeriggio d’estate. La poesia è una bambina che usa le sue stesse parole e gioca tenendo il suo stesso respiro, che comprende i lunghi silenzi, che corre senza sosta per poi fermarsi sull’orlo del precipizio con il cuore in gola, che tra l’ombra e la luce trova lo spazio in cui riposarsi.
E’ di questa familiarità che vorrei raccontarvi perché una volta incontrata, la poesia resterà nella vostra vita ed in quella dei vostri bambini.”
Alessia Napoltano

Martedì 23 maggio, ore 21, in libreria
Incontro con Giusi Quarenghi
PAROLE PRIME – Parole splendenti come diamanti, non solitarie. Una gran bella compagnia”

Le prime parole, parole dell’infanzia; parole prime, le parole della poesia. Dell’infanzia come tempo sorgivo della parola e della lingua, dell’osservare e dell’ascoltare, del nominare e del chiamare, del dire e del dirsi. Della poesia come luogo sorgente della parola. Dell’esperienza come luogo sorgente della parola e della poesia.

Giusi Quarenghi, scrittrice di racconti lunghi e corti, filastrocche, albi illustrati, testi di divulgazione, sceneggiature, filastrocche, poesie; narratrice di fiabe, miti e storie sacre.

Sabato 27 maggio, ore 21, in libreria
Incontro con Giovanna Zoboli
Scegliere la poesia

Perché pubblico poesia? Perché la scrivo? Quale poesia pubblico? Quale scrivo? In questo incontro cercherò di spiegare attraverso quali esperienze personali, di lettura e non, un editore si trova a pubblicare poesia e uno scrittore a scriverla, pensando a lettori che sono bambini e ragazzi.

Giovanna Zoboli è scrittrice ed editrice. Insieme a Paolo Canton, ha creato, nel 2004, il marchio editoriale Topipittori, di cui è editor e art director, specializzato in volumi, illustrati e non, per bambini e ragazzi. I suoi libri, oltre una trentina di titoli, sono pubblicati in Italia e all’estero. Svolge attività di studio e formazione sui temi della cultura rivolta a infanzia e adolescenza, con interventi editi da blog, cataloghi, riviste, e attraverso incontri, lezioni, corsi. Con interventi su temi diversi collabora ai siti di cultura Doppiozero e FN – Federico Novaro Libri Dal 2010, cura il blog di Topipittori. Vive e lavora a Milano.

Domenica 28 maggio, dalle 10 alle 18
Il laboratorio si svolgerà a Casa Radice. Via Traversa S.Giorgio, 22 a Carpi.
Laboratorio di scrittura e poesia con Silvia Vecchini
La poesia è un fiammifero


Il suo stelo di tre centimetri e mezzo in legno di pino
Sormontato da una testa granulosa viola scuro
Così sobrio e furioso e caparbiamente pronto
A esplodere in fiamme

Ron Padgett

Cinque testi di poesia contemporanea, cinque scintille. Piccoli fuochi da tenere tra le mani a coppa per accendere le nostre parole, per fare un po’ di luce attorno ai propri pensieri, vedere il volto degli altri, scrivere insieme, scaldarsi, bruciare un poco.

Scriveremo insieme a partire da stimoli, suggestioni, esercizi. Alla fine della giornata ciascuno di noi raccoglierà i propri testi in un’antologia microscopica. Quanto? Tanto da entrare in una scatola di fiammiferi.

Materiale:

  • una poesia che per noi è stata una piccola luce
  • carta per scrivere
  • penna, matita
  • una scatola di fiammiferi
  • qualsiasi tipo di carta per rivestire la nostra scatola
  • colla
  • forbici

Numero massimo di partecipanti 15.
Costo: 80 euro a persona.

Domenica 28 maggio, ore 21, in libreria.
Incontro con Silvia Vecchini
Scintille

Piccola conversazione con Silvia Vecchini sul fare poesia e brevi letture dai poeti che hanno acceso le sue parole.
Durante la serata saranno letti anche alcuni testi scritti dai partecipanti al laboratorio La poesia è un fiammifero.

Silvia Vecchini (1975), poetessa, autrice di storie per i più piccoli, prime letture, libri che raccontano opere d’arte, romanzi e graphic novel per ragazzi. Ama scrivere insieme agli altri, esplorare la dimensione interiore con chi desidera avvicinarsi alla scrittura e alla poesia. Tiene laboratori con bambini, ragazzi e adulti. (www.laparolamagica.blogspot.com)

Amore amore, dimmi come fai
ad accendere questo
fiammiferino di zolfo
che ho nel petto
dimmi come fai a tenerlo acceso
in mezzo al vento, senza ripari.
Dimmelo e magari
un giorno imparo anch’io
e saremo pari.

Silvia Vecchini

Quando vengono a trovarmi
a cavallo di un biscotto con le staffe
di glassa – sedute dentro una noce
moscata – o aggrappate al manico
tondo di una tazza di caffè
non si annunciano mai – le mie amiche
di poche musicanti parole – ma io
mi ritrovo di colpo il cuore
socchiuso e – se pure è l’inverno
quello che incontro – m’accorgo
che canta

Giusi Quarenghi