Disegnare una mappa 2018 – Quinta edizione

DISEGNARE UNA MAPPA - strade per orientarsi (o perdersi) nella buona letteratura per bambini e ragazzi.

“SENZA TEMA”

5-6-7 ottobre 2018

 

"Disegnare una mappa" è una piccola iniziativa della durata di tre giorni rivolta a educatori, insegnanti, operatori sociali, bibliotecari, librai e genitori.
Consiste in 2 conferenze serali nelle giorante di venerdì 5 e 6 ottobre e in un corso di formazione teorico-esperienziale della dutrata di 5 ore domemica 7 ottobre.
Tutti gli eventi si svolgono alla libreria Radice-Labirinto di Carpi. La prenotazione è obbligatoria scrivendo a info@radicelabirinto.it
E' possibile partecipare ai singoli incontri. Il programma verrà aggiornato nelle prossime settimane.

 

PREMESSA

 

La quinta edizione di “Disegnare una mappa” si presenta con un sottotitolo volto a comunicare una caratteristica importante di questa iniziativa: il fatto di non avere un tema.

Già nel 2017, in occasione della quarta edizione, “Disegnare una mappa” aveva abolito il tema, aderendo a quello che è sempre stato il suo campo di ricerca precipuo: la letteratura per bambini e ragazzi.

Il sottotitolo di quest'anno non solo sottolinea la volontà di non circoscrivere il contesto ad un tema specifico, ma dice anche qualche cosa di più.

In un momento storico dove l'albo illustrato è il grande protagonista delle librerie specializzate per bambini e dove il genere “young adult” fornisce ai ragazzi un vademecum di situazioni in cui l'adolescente si possa ritrovare e identificare, la ricerca e la richiesta del “il libro a tema” è diventata una prassi.

Che sia per un percorso didattico o per parlare di un determinato argomento, genitori e insegnanti sempre più spesso richiedono al libraio libri su amicizia, diversità, famiglia, colori, emozioni, paure...per approdare infine ai “libri medicina” ovvero quelli volti a risolvere i problemi dei più piccoli quali l'arrivo di un fratello, la morte di una persona cara, il passaggio alla scuola dell'infanzia ecc.
E se “i libri medicina” sono quelli che su uno scaffale si identificano più facilmente, è vero anche che esiste una vasta produzione di “libri a tema” molto meno riconoscibili. Oggi molte case editrici, assecondando questo bisogno di “utilizzo” del libro, pubblicano una quantità non indifferente di libri e albi che in modo più o meno esplicito soddisfano un bisogno.

Sappiamo riconoscerli?
Ci servono davvero? E se la risposta è sì, come possiamo riportare leggerezza e apertura di sguardo ad una letteratura, quella per bambini e ragazzi, che forse ci chiede solo di essere letta nella sua splendente inutilità?
Valgono ancora le storie per le storie?

 

Il nostro sottotitolo “senza tema” vuole tentare di offrire uno sguardo nuovo agli adulti che si avvicinano alla letteratura giovanile. Proveremo ad indagare con conferenze e un piccolo corso di formazione quali alternative si possono trovare ragionando “senza temi”.

Ma il sottotitolo “Senza tema” ha anche una seconda accezione ovvero “senza timore, senza paura”.

Un viaggio richiede sempre una certa dose di coraggio e un pizzico di avventatezza, specialmente se si va incontro a territori inesplorati. Capiamo che abbandonare la strada conosciuta e avventurarsi nel mare magnum delle proposte editoriali per bambini e ragazzi, può generare qualche timore. Eppure per “disegnare una mappa” ogni tanto occorre perdersi, perché è proprio quando scardiniamo i nostri punti di riferimento che permettiamo a noi stessi di fare nuove scoperte e di percorrere nuove strade.

Ad accompagnarvi in questo viaggio, non potevamo che scegliere una figura d'eccezione: il libraio.

Se lo scaffale di una libreria vi sembra una giungla o una foresta intricata, chi meglio di un libraio potrà condurvi a “riveder le stelle”? Stelle che diventano costellazioni per orientare nuovamente la bussola.

 

Saranno quattro libraie a condurre quest'anno “Disegnare una mappa”

Vera Salton della libreria “Il treno di Bogotà” (Vittorio Veneto)

Diletta Colombo e Chiara Bottani della libreria “Spazio B*K*” (Milano)

Alessia Napolitano della libreria “Radice-Labirinto” (Carpi)Il corso si rivolge a educatori, insegnanti, operatori sociali, bibliotecari, librai e genitori.

 

IL PROGRAMMA

 

PRIMA DI ME - UNA MOSTRA A RADICE-LABIRINTO

Dal 10 di settembre al 22 ottobre nelle vetrine di Radice-Labirinto sarà allestita la mostra "Prima di me" a cura di Mook.

La mostra ispirata alle tavole dell'albo illustrato "Prima di me" di Luisa Mattia e Mook ( ovvero Carlo Nannetti e Francesca Crisafulli) pubblicato da Topipittori nel 2016.

Dal sito dei Topipittori si legge:

“Prima di me non c’era niente. E invece no. Prima di me c’erano tutti”. Attraverso la voce nitida di un bambino, Luisa Mattia ci conduce ad ascoltare il suono di una vita al suo esordio. Un rincorrersi di scoperte, intuizioni, estasi, domande di fronte alla grandezza del Creato. Un cosmo in movimento che si dispiega davanti alla nuova creatura insegnandole a essere, a pensarsi parte di esso, fatta delle sue materie: acqua, vento, luce, tempeste, fuochi. Fino a alla più misteriosa di esse, la parola. Una prova d’autore accompagnata dalle immagini astratte, ludiche, forti e festose di Mook: ovvero Francesca Crisafulli e Carlo Nannetti: artisti, scultori, incisori e designer multiformi."

Nell'ambito di "Disegnare una mappa" e del discorso sul "Senza tema" l'albo "Prima di me" offre all'immaginazione infinite possibilità. Prima di definirsi occorre sperimentare tutti i linguaggi del mondo, perdersi tra le tante strade che ci si spalancano davanti e parchè no, perdersi nel cosmo, indagare con occhi curiosi e privi di pregiudizi la vita che sboccia.

Quante sentieri si aprono davanti a noi prima di ogni tema? E quali percorsi intraprenderemo se lo sguardo resta libero di spaziare sui diversi orizzonti?

Anche lo scaffale di una libreria può essere "prima" di uno sguardo, una foresta vergine da attraversare, un labirinto in cui perdersi.

Le bellissime sculture lignee di Mook ci invitano a non chiudere le linee, a giocare con i colori, a guardare le cose da un'altra prospettiva. Volgere lo sguardo al nuovo e alla bellezza è gia un primo passo verso una libertà di pensiero.

  • I Mook saranno nostri ospiti anche durante le 80Lune lunedì 22 ottobre con una conferenza su "L'arte del recupero". Per maggiori informazioni leggi qui.
  • Per l'occasione, in via del tutto eccezionale, condurranno alla libreria Radice-Labirinto un laboratorio dal titolo "La stampa con materiali di recupero". Per maggiori informazioni e iscriversi (posti limitati!) leggi qui.

Venerdì 5 ottobre, alle ore 21 - Alla libreria Radice-Labirinto

LE BIBLIOGRAFIE INTRECCIATE

Conferenza a cura di Alessia Napolitano - Formatrice e libraia di Radice-Labirinto

L'idea delle Bibliografie intrecciate nasce dall'osservazione di due pratiche molto diffuse nei Nidi e nelle Scuola d'infanzia: la prima è quella del "libro contenitore" a cui si affida la progettualità annuale, la seconda quella del "libro ponte" che diventa strumento utile per accompagnare i bambini nel passaggio da una scuola all'altra. Il rischio di queste pratiche è quello di "lavorare troppo" sui libri o di scegliere libri estremamente lineari, di stampo educativo-moraleggiante che non lasciano aperte molte vie all'immaginazione e alla complessità. Per offrire un'alternativa possibile a queste pratiche scolastiche, ho iniziato a ragionare su percorsi bibliografici che potessero essere intesi come costellazioni: ogni singolo libro in modo non didascalico nè tautologico potesse brillare come una piccola galassia di senso e allo stesso tempo intrecciarsi ad altri libri per disegnare intrecci e universi più ampi. Lo scopo è perciò quello di presentare non un solo libro ai bambini, ma di amplificare le storie a partire da un albo o da una fiaba  o da un libro di narrativa o da una raccolta di poesie o da un testo divulgativo che possa fungere, superando il tema e facili letture, da stella fissa per orientare la navigazione verso mari più ampi. Sulla forma delle bibliografie intrecciate, su come costruirle, su come orientare lo sguardo sullo scaffale di una libreria e su come procedere con i bambini, ne parleremo insieme durante la conferenza, portando esempi pratici che possano valicare la scuola dell'infanzia per approdare alla scuola primaria.

Biglietto d'ingresso: 10 euro . Obbligatoria la prenotazione scrivendo a info@radicelabirinto.it

Alessia Napolitano è libraia presso la libreria per l'infanzia Radice-Labirinto di Carpi. Conduce percorsi di formazione sull'editoria contemporanea per bambini e ragazzi all'interno di scuole ed enti pubblici. Cura il blog “Pensare i libri” dedicato alla letteratura per l'infanzia sul sito della libreria Radice-Labirinto.  A marzo del 2016 firma il testo del suo primo libro (Il Cosario, Edizioni Corsare). A marzo del 2017 è invitata, insieme ad altri poeti, a scrivere una ninna nanna per la raccolta “Ninniamo. Ninna nanne per dire sogniamo” a cura dell'Associazione Millegru. La sua ricerca sulle fiabe l'ha condotta ad uno studio appassionato della trasmissione dei saperi attraverso il racconto orale e al rito del focolare. E' una cantastorie.


 

Sabato 6 ottobre, alle ore 21 - Alla libreria Radice-Labirinto

MAPPA INDICIBILE DELLA FORESTA - del tessere intorno alla trama

Una conferenza a cura di Vera Salton - Libraia del "Treno di Bogotà"di Vittorio Veneto

La vita, il romanzo, il teatro, l’opera, la fiaba vivono di trame intense quanto il vivere quotidiano, tessute intorno alle conoscenze e all’immaginario di chi le ha narrate.
In questa foresta gli esploratori si muovono senza una mappa: così a volte gli esploratori del libro conducono a casa storie dal loro viaggio narrativo intrappolandole dentro teche ed etichette stabili. In questo viaggio annulleremo i confini imposti dai temi alla narrativa e andremo ad incontrare perle dei romanzi per ragazzi per guardarle con nuovi occhi, senza paure delle etichette che negli anni si sono trovate a incasellare splendidi racconti come singole sfaccettature della ben più complessa e intrigante avventura del vivere.

Biglietto d'ingresso: 10 euro . Obbligatoria la prenotazione scrivendo a info@radicelabirinto.it

Vera Salton è libraia, antropologa e studiosa di letteratura e illustrazione per l'infanzia.  E' fra i fondatori la Libreria dei ragazzi 'Il treno di Bogotà' di Vittorio Veneto, Premio Andersen 2008.  Si occupa da tempo del progetto editoriale a essa collegato, "Pagine randagie", e cura laboratori in scuole e asili, per adolescenti e giovani adulti.  Relatrice in corsi di aggiornamento sui libri per ragazzi, la storia dell'illustrazione e il piacere della lettura, dal 2001 collabora con la rivista "Andersen, il mondo dell'infanzia" ed è consulente per le narrazioni sul fine vita da sei anni per Advar Rimanere Insieme.


 

Domenica 7 ottobre, dalle ore 10:30 alle 13:30 e dalle 15 alle 17 - Alla libreria Radice-Labirinto

IL LIBRO NELLA GIUNGLA  A RADICE LABIRINTO

Corso di formazione a cura di Diletta Colombo, Chiara Bottani ed Elisa Zappa, libraie della libreria Spazio B*K* di Milano 

Un corso di formazione per esplorare una giungla di libri, orientarsi e
coltivare una biblioteca di libri illustrati per l’infanzia.

 

A CHI SI RIVOLGE

Il corso di formazione è rivolto a genitori, educatori, insegnanti, bibliotecari, librai e a tutti coloro che usano i libri nella vita o per lavoro con bambini zero-cinque anni.

COSTO:

Il corso della durata di 5 ore ha un costo di 60 euro a persona.

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il libro nella giungla è un progetto di formazione  per focalizzare l’attenzione sulla relazione tra gli adulti e i libri proposti ai bambini per diventare loro compagni di crescita. In particolare, i libri con le “figure”,
dove le “immagini” sono protagoniste della narrazione, che vengono scelti,  raccolti,  acquistati, regalati, pensando ai bambini dai primi mesi di vita fino alla fine della scuola dell’infanzia.
Il cuore del progetto è un’avventura esplorativa in cui i partecipanti vengono immersi in una grande varietà di albi e di altri strumenti illustrati per fare esperienza della ricchezza di stimoli data da differenti formati e materiali, stili di illustrazione, registri
narrativi, approcci con cui si tratta un contenuto e altri strumenti illustrati che i bambini hanno quotidianamente a portata di mano.
Per uscire dalla “giungla di parole e immagini” gli adulti sono invitati a scegliere alcuni libri-bussola e sono incoraggiati a riflettere sulle loro scelte, inconscie o consapevoli, a sviluppare una propria sensibilità e affinare alcuni saperi per leggere i segnali che porteranno ad orientarsi in una “giungla di libri”, godendone la varietà.  Esploreremo alcune possibili “vie” che possono portare un testo ad essere scelto, fra tutti, per diventare il compagno di gioco o di narrazione di un bambino.
Proprio di ogni “singolo bambino”, perchè questo progetto non desidera suggerire un metodo univoco o fornire delle istruzioni per scegliere i libri “migliori”, con l’idea che siano adatti a tutti i bambini del mondo, ma al contrario accompagna i genitori a
“trovare la strada” che porta verso la loro casa, dove il bambino è concepito come essere unico, con il suo bagaglio di gusti e inclinazioni in pieno sviluppo.

 

 

OBIETTIVI
  • Potenziare le capacità di osservazione e di scelta di libri illustrati per l’infanzia, con un approccio integrato che considera il libro come “oggetto materiale” che stimola diverse dimensioni sensoriali e, contemporaneamente, come “oggetto emotivo” che sostiene il processo di crescita del bambino e dell’intera famiglia.
  • Offrire occasioni di scoperta, sperimentazione e rappresentazione di sé e della realtà per nutrire i bambini con libri diversi in momenti diversi della quotidianità (dalla colazione alla nanna, a casa, a scuola o all’aperto) e dello sviluppo.
  •  Aiutare gli adulti a far emergere le loro scelte e diventare più consapevoli delle motivazioni che le sostengono attraverso un’esperienza diretta, libera e coinvolgente con i libri più diversi e il confronto con gli altri, senza ricevere “ricette
    preconfezionate” dall’alto.
  •  Offrire agli adulti idee per progettare e allestire molteplici tipologie di spazi per i libri, in un ambiente famigliare o educativo, ed essere più consapevoli delle possibili influenze sull’esperienza di lettura dei bambini.

 

PROGRAMMA DEL CORSO

“Un giardino è in movimento quando può essere lasciato libero di non rispondere a una forma fissata a priori. In un giardino in movimento la figura del giardiniere ha un ruolo relativamente debole ma centrale. Il giardiniere osserva. Studia. Parte da quello che c’è. (..) Il problema è soprattutto decifrare i rapporti che si stabiliscono tra gli esseri - le relazioni, i comportamenti. Non considerare la pianta come un oggetto finito. Non isolarla dal contesto che la fa esistere”

(Gilles Clément , Il Manifesto del Terzo paesaggio, Quodlibet 2005)

 

Il corso è suddiviso in tre momenti
  1. La “giungla di libri”. Accoglienza dei partecipanti e presentazione. Esplorazione di una “giungla di libri”, analisi delle motivazioni con cui sono state fatte le scelte e condivisione di possibili criteri che portano gli adulti a prediligere i testi da proporre ai bambini.
  2. Dalla “giungla di libri” al “giardino”. Lettura ad alta voce di storie su alcuni temi significativi della crescita con approcci
    differenti e confronto collettivo su potenzialità e limiti delle modalità ascoltate.
  3. Costruzione di “giardini illustrati”. A partire dalla “giungla di libri”, costruzione e allestimento di un possibile “scaffale”
    e di uno spazio di lettura per i bambini utilizzando i diversi materiali a disposizione e confronto finale sugli ambienti creati per coltivare molteplici esperienze di lettura.

SOGGETTO PROPONENTE

Spazio b**k è una libreria indipendente con laboratorio, aperta a Milano dal 2012. La libreria è specializzata in libri con immagini, nuovi e usati, senza confini di lingua, età e argomento. Offre una selezione di narrativa contemporanea, saggistica e dvd e acquista libri, in particolare albi per ragazzi e fumetti, grafica e illustrazione. Il laboratorio sviluppa un progetto annuale di corsi, teorici e pratici, per adulti sui temi che danno forma alla libreria: immagini, editoria e tecniche artigianali ad essi legate. Insieme a un gruppo consolidato di docenti e alla collaborazione di nuovi insegnanti, di anno in anno il programma di formazione rinnova le proposte in base a un'indagine trasversale ai desideri del pubblico e a una visione sulla realtà che ci circonda. Su ogni tema specifico, i laboratori intendono dotare i partecipanti di risorse e strumenti che attivino nuove competenze, applicabili sia in ambito quotidiano sia professionale. Spazio b**k si propone come un luogo di movimento, dove ciascuno può sentirsi libero di osservare e cercare nuove idee tramite le connessioni che ciò che lo circonda gli suggeriscono. Negli anni, la compresenza di libreria e laboratorio ha costruito un ecosistema dove mettere a fuoco nuove opportunità e costruire nuove relazioni.

 

DOCENTI

Entrambe laureate in storia, Diletta Colombo lavora da sempre in libreria e Chiara
Bottani ha lavorato in biblioteca fino a quando insieme hanno aperto la libreria
Spazio b**k.

Elisa Zappa si descrive come "coltivatrice appassionata di Giardini dell'immaginazione e Campi di creatività, collettiva e personale". Cresciuta tra le province di Varese e Milano, ha sviluppato la propria mentalità progettuale presso il Politecnico di Milano laureandosi in Disegno Industriale. Nel 2007 ha collaborato alla fondazione dell'associazione culturale Spazio Ars di Legnano, specializzata nella ricerca del benessere attraverso la valorizzazione delle creatività. Collabora felicemente con Spazio b**k condividendo la passione per gli albi illustrati.


 

Domenica dalle 18 alle 18:30 - Alla libreria Radice-Labirinto

COSTELLAZIONI E ALTRI SISTEMI SOLARI - Per una nuova cosmogonia degli scaffali di una libreria

Una chiacchierata con Diletta Colombo, Chiara Bottani ed Elisa Zappa di Sapzio B*K*

A seguito del corso di formazione "Nella giungla dei libri" e per concludere la quinta edizione di "Disegnare una mappa", le libraie di Spazio B*K* incontreranno il pubblico di Radice-Labirinto per un'interessante chiaccherata in merito agli scaffali di una libreria specializzata. Quanti modi ci sono per ordinare i libri su uno scaffale? In che modo la presentazione dei libri orienta lo sguardo del lettore? Come si può procedere senza bisogno di raggruppare i libri per temi gia prestabiliti a priori? Che parte ha il libraio?

Una chiaccherata molto utile anche per ordinare le proprie librerie domestiche o le piccole biblioteche di sezione, incoraggiando nei lettori sguardi nuovi e imprevedibili.

Al termine dell'incontro verranno annunnciati i vincitori della quinta edizione del piccolo concorso fortografico estivo "Tipi da copertina".

L'ingresso è gratutio, ma è gradita la prenotazione.