Disegnare una mappa 2018 – Quinta edizione

DISEGNARE UNA MAPPA - strade per orientarsi (o perdersi) nella buona letteratura per bambini e ragazzi.

“SENZA TEMA”

5-6-7 ottobre 2018

 

"Disegnare una mappa" è una piccola iniziativa della durata di tre giorni rivolta a educatori, insegnanti, operatori sociali, bibliotecari, librai e genitori.
Consiste in 2 conferenze serali nelle giorante di venerdì 5 e 6 ottobre e in un corso di formazione teorico-esperienziale della dutrata di 5 ore domemica 7 ottobre.
Tutti gli eventi si svolgono alla libreria Radice-Labirinto di Carpi. La prenotazione è obbligatoria scrivendo a info@radicelabirinto.it
E' possibile partecipare ai singoli incontri. Il programma verrà aggiornato nelle prossime settimane.

 

PREMESSA

 

La quinta edizione di “Disegnare una mappa” si presenta con un sottotitolo volto a comunicare una caratteristica importante di questa iniziativa: il fatto di non avere un tema.

Già nel 2017, in occasione della quarta edizione, “Disegnare una mappa” aveva abolito il tema, aderendo a quello che è sempre stato il suo campo di ricerca precipuo: la letteratura per bambini e ragazzi.

Il sottotitolo di quest'anno non solo sottolinea la volontà di non circoscrivere il contesto ad un tema specifico, ma dice anche qualche cosa di più.

In un momento storico dove l'albo illustrato è il grande protagonista delle librerie specializzate per bambini e dove il genere “young adult” fornisce ai ragazzi un vademecum di situazioni in cui l'adolescente si possa ritrovare e identificare, la ricerca e la richiesta del “il libro a tema” è diventata una prassi.

Che sia per un percorso didattico o per parlare di un determinato argomento, genitori e insegnanti sempre più spesso richiedono al libraio libri su amicizia, diversità, famiglia, colori, emozioni, paure...per approdare infine ai “libri medicina” ovvero quelli volti a risolvere i problemi dei più piccoli quali l'arrivo di un fratello, la morte di una persona cara, il passaggio alla scuola dell'infanzia ecc.
E se “i libri medicina” sono quelli che su uno scaffale si identificano più facilmente, è vero anche che esiste una vasta produzione di “libri a tema” molto meno riconoscibili. Oggi molte case editrici, assecondando questo bisogno di “utilizzo” del libro, pubblicano una quantità non indifferente di libri e albi che in modo più o meno esplicito soddisfano un bisogno.

Sappiamo riconoscerli?
Ci servono davvero? E se la risposta è sì, come possiamo riportare leggerezza e apertura di sguardo ad una letteratura, quella per bambini e ragazzi, che forse ci chiede solo di essere letta nella sua splendente inutilità?
Valgono ancora le storie per le storie?

 

Il nostro sottotitolo “senza tema” vuole tentare di offrire uno sguardo nuovo agli adulti che si avvicinano alla letteratura giovanile. Proveremo ad indagare con conferenze e un piccolo corso di formazione quali alternative si possono trovare ragionando “senza temi”.

Ma il sottotitolo “Senza tema” ha anche una seconda accezione ovvero “senza timore, senza paura”.

Un viaggio richiede sempre una certa dose di coraggio e un pizzico di avventatezza, specialmente se si va incontro a territori inesplorati. Capiamo che abbandonare la strada conosciuta e avventurarsi nel mare magnum delle proposte editoriali per bambini e ragazzi, può generare qualche timore. Eppure per “disegnare una mappa” ogni tanto occorre perdersi, perché è proprio quando scardiniamo i nostri punti di riferimento che permettiamo a noi stessi di fare nuove scoperte e di percorrere nuove strade.

Ad accompagnarvi in questo viaggio, non potevamo che scegliere una figura d'eccezione: il libraio.

Se lo scaffale di una libreria vi sembra una giungla o una foresta intricata, chi meglio di un libraio potrà condurvi a “riveder le stelle”? Stelle che diventano costellazioni per orientare nuovamente la bussola.

 

Saranno quattro libraie a condurre quest'anno “Disegnare una mappa”

Vera Salton della libreria “Il treno di Bogotà” (Vittorio Veneto)

Diletta Colombo e Chiara Bottani della libreria “Spazio B*K*” (Milano)

Alessia Napolitano della libreria “Radice-Labirinto” (Carpi)Il corso si rivolge a educatori, insegnanti, operatori sociali, bibliotecari, librai e genitori.

Il programma verrà messo on-line nelle prossime settimane