Scuola Radice

Prima settimana

Si è conclusa la prima settimana di Scuola Radice.

I bambini hanno salutato gioiosamente le Maestre e si preparano al riposo meritato del weekend.
I genitori ci raccontano soddisfatti che, alla sera, tutti si addormentano con una facilità mai vista!

La prima classe sta approfondendo la conoscenza degli animali, sperimentando le posizioni e immaginando i suoni della Giungla all’aperto, nel nostro giardino.Queste esperienze fanno parte della macro area “simbolo” che costituisce l’orizzonte teorico della classe prima e che ancora riguarda le classi seconde e terze.

Gli animali della giungla

Maestra Germana si ritaglia anche momenti di osservazione più approfondita, per conoscere i bambini individualmente e chiacchierare con ognuno di loro con più tranquillità.

La lettura condivisa.

Le classi seconda e terza, hanno ripreso con gioia il Cosario, libro letto infinite volte ed esperienza molto amata. Anche durante le vacanze, uno dei compiti era dedicato al raccogliere oggetti per comporre un cosario estivo.
In questi giorni le Maestre Eleonora e Francesca hanno chiesto ai bambini di portare il materiale a scuola, per iniziare a suddividerlo e categorizzarlo.

Il Cosario delle vacanze.

 

Un verso del Cosario

Riprendendo il rito del cerchio del fuoco, i bambini hanno appurato con fierezza di essere ancora in grado di elencare tante parole senza sovrapporsi. Questa esperienza iniziata come gioco, sta davvero diventando un punto cardine della nostra Progettazione.

Il patto “Da io a noi”.

 

Le Maestre sottoscrivono il patto.

I bambini hanno desiderato anche stilare il nuovo patto tra loro e le Maestre, nel quale ognuno ha espresso il proprio impegno da mantenere nel nuovo anno scolastico.

Questo caldo settembre ci sta regalando tanti momenti di scoperta, gioco e lentezza nel nostro giardino.
Luca de La Bottega da Leonida ci porta deliziosi pranzi e i momenti di condivisione sono pieni di allegria.
È così bello vedere Scuola Radice che si riempie di nuovi bambini, di nuove dinamiche, di nuovi riti mattutini e di nuove amicizie.

Giocare, costruire rifugi.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *