C’è posta per tigre

8,00

Titolo: C’è posta per tigre
Categoria: Albo illustrato
Autore: Janosch
Editore: Logos Edizione
Collana: La Biblioteca della Ciopi
EAN: 9788857610870

2 disponibili (ordinabile)

Descrizione

Lo avevamo amato con “Oh come é bella Panama!”, ora Janosch torna per la casa editrice Logos nella collana intitolata “La biblioteca della Ciopi”, una collana discreta dedicata ai primi lettori.

Se da un lato questa collana guadagna punti acquistando tre titoli di un autore già molto amato (“C’è posta per tigre”, “Troviamo un tesoro”, “Ti curo io, disse piccolo orso”), dall’altro continua a sbagliare mira.

Janosch è senza dubbio un autore perfetto per avvicinare i bambini di due e tre anni alla narrativa.

É dunque chiaro che questo libro dal carattere tipografico limpido e dalle spaziature piacevoli può certamente essere un buon esercizio per lettori in erba, ma poco attraente se pensiamo al fatto che un seienne ama immergersi in trame decisamente più complesse. Parlo spesso ultimamente di “dignità del lettore”, un concetto che ha bisogno di essere posto all’attenzione dell’adulto soprattutto quando è in cerca delle così dette “prime letture”.

La trama é lineare, e grazie a degli snodi narrativi che si ripetono, risulta estremamente gratificante per un bambino piccino che nel riascoltare situazioni simili a quelle già seguite e comprese prova molta soddisfazione. A tre anni infatti il bambino é in grado di riconoscere la struttura delle storie, sa che una storia ha un incipit, uno svolgimento e un finale. Il lettore piccino diventa dunque molto normativo quando si tratta di storie: guai a sbagliare una parola o ad invertire o dimenticare parti della trama!

Ecco allora che Janosch può diventare, nelle mani di adulti coraggiosi (che hanno compreso quanto la parola sia parte fondante nell’educazione di un lettore) un autore imprescindibile da gustare sera dopo sera. Segnalibro alla mano ( ma preparatevi a non averne bisogno) potrete conoscere Piccolo Tigre e Piccolo Orso, due ottimi amici che dimorano in una capanna vicino al fiume.

Le illustrazioni sono interessanti e come la scrittura nascondono, nei loro tratti veloci, un che di spiritoso e brillante. ”Brillante”, ecco un aggettivo perfetto per descrivere un autore come Janosch che saprà di certo conquistarvi.