La libreria

immagine la libreria-illustrazione-silvia-molinari

Se nella frase tratta dalla fiaba “La foresta Radice-Labirinto” di Italo Calvino sostituissimo la parola “foresta” con la parola “libreria” potremmo comunicarvi in poche righe quale sia il pensiero che anima la nostra piccola bottega:

un luogo nel quale stringere nuove amicizie (non solo letterarie), dove potersi dedicare il tempo per gustare libri belli o per ascoltare l’incanto di una voce che narra una fiaba; una libreria capace di diventare un centro culturale per la sua città e per i paesi vicini, in grado di intrecciare relazioni interessanti con il territorio e i suoi abitanti, grandi e piccini, riportando le storie la dove si erano dimenticate e ravvivando la fiamma dell’immaginazione là dove si era assopita.

A quasi trent’anni dalla scomparsa del grande “Raccontastorie” italiano, la libreria “Radice-Labirinto” dedica a Italo Calvino il suo nome e, ispirandosi alla sua Foresta, vuole promuovere il libro e il giocattolo di qualità come metafore d’infanzia.
Due simboli antichi sono contenuti nel nome “Radice-Labirinto”: due immagini che racchiudono l’idea di un’origine da un lato legata alla terra, alla selvatichezza e al perdersi, dall’altro al gioco e alla scoperta.

Libreria come Radice:

  • Guidare adulti e bambini nelle storie per riscoprirsi esseri narranti e ritrovare il legame profondo che da sempre le storie intrecciano con noi stessi e con gli altri
  • Gettare legna buona nel focolare dell’immaginazione, alimentando con le fiabe la fiamma dell’incanto che da sempre ci conduce verso i libri e le storie
  • Cooperare con scuole ed enti per portare strumenti di qualità ad adulti e bambini: consulenze bibliografiche, fornitura giocattoli, corsi di formazione, allestimenti di biblioteche scolastiche
  • Intrecciare sentieri alla riscoperta di luoghi selvatici, per stare insieme assaporando una lettura sotto un albero o per riposarsi all’ombra di una fiaba.

Libreria come Labirinto:

  • Perdersi tra le pagine di un libro e nel coinvolgimento del gioco: incoraggiare attraverso una selezione studiata e amata di libri e giocattoli la capacità di immaginare attraverso la lettura e di sviluppare i propri talenti divertendosi.
  • Incontrarsi tra le pagine: appuntamenti ricorrenti con autori, illustratori, ed editori per conoscere da vicino le persone che inventano e costruiscono i libri che tanto amiamo.
  • Cercare, a partire dai libri e dai giocattoli di qualità, di fornire spunti di riflessione per supportare genitori e insegnanti nel loro percorso educativo : incontri mensili sui temi dell’infanzia e sulla letteratura per bambini e ragazzi
  • Seguire una voce: narrazioni senza libro per riscoprire l’incanto della lettura.
  • Tracciare percorsi riconoscibili sul territorio che possano guidare adulti e bambini lungo la via di una Cultura per l’infanzia condivisa e partecipata: collaborazioni con la Biblioteca dei ragazzi “il Falco Magico” di Carpi, partecipazione ai festival per la Cultura promossi dal Comune di Carpi (Festival Filosofia e Festival del Racconto), iniziative ricorrenti che possano diventare nel tempo appuntamenti importanti di formazione (Semi e parole – una giornata per la poesia; Disegnare una mappa – come orientarsi nelle buona letteratura per l’infanzia)
  • Accogliere, ospitando piccole mostre, musicisti, danzatori…per arricchirci con i diversi linguaggi che muovono il mondo, seguendo storie disegnate, musicate, danzate, giocate, raccontate…

Vorremmo condurre, in veste di librai qualificati e competenti, genitori, bambini e insegnanti attraverso i libri e albi per scoprire quale ricchezza si nasconda nella lettura di pagine ben scritte e ben illustrate.
Nascoste tra i libri ci sono chiavi in grado di aprire mondi nuovi, parole capaci di raccontarci la vita nella sua complessità, per poi restituirci una visione diversa e più fresca della realtà e del quotidiano.

riga-rossa-content

Alessia e Dario