Consigli di lettura

Planetarium – Divulgazione

Pubblicato il

Planetarium di Raman Prinja e Chris Wormell si colloca senza dubbio tra i lbri di divulgazione meglio riusciti degli ultimi tempi.
La sua grafica e la sua impaginazione eleganti (riuscita anche la scelta del titolo che invita l’osservatore a concentrarsi su una “fetta di cielo”), i testi lampanti pur nella loro complessità e le tavole magnificamente illustrate di grande formato, riescono a tradurre senza tradirlo il misterioso, gigantesco silenzio dell’universo.

Consigli di lettura

Le fate formiche – Albo illustrato

Pubblicato il

Il tempo si può cucire in una storia. Il tempo che per solito è un filo invisibile, diventa nelle mani di She Sun-Mi materia sottile e fragilissima. Occorre molta grazia per tenderlo tra una pagina e l’altra senza spezzarlo; ma se la mano è ferma e l’ago ben appuntito si assiste ad un miracolo: si può vedere in controluce il disegno di un ricamo perfetto.

Consigli di lettura

La porta – Albo senza parole

Pubblicato il

La chiave non dobbiamo cercarla, la troviamo per caso. Sempre che al caso si voglia dare credito. Il lettore distratto o frettoloso non la troverà, dato che è nei risguardi, un po’ prima che la storia incominci. Una dichiarazione d’intenti forse, in cui l’autore ci mette alla prova. Quando inizia la tua storia?

Consigli di lettura

Oh, Harriet! – Narrativa

Pubblicato il

C’è troppo cinema nella scrittura di questo libro, il che, a mio avviso fa perdere alla storia spessore letterario. La profondità di un buon libro di narrativa non può essere data solo dalle vicende raccontate, ma dalla capacità dello scrittore di addentrarsi con talento ed esattezza nei personaggi e nelle situazioni, rifuggendo dalla tentazione di descrivere i suoi personaggi con pennellate troppo nette che rischiano di fare di protagonisti interessanti come Harriett Tubman delle macchiette.

Consigli di lettura

La mia rivoluzione – Narrativa

Pubblicato il

“La mia rivoluzione” è un libro quanto mai attuale che già dal titolo racconta quanto sia rivoluzionario istruirsi (e pensiamo che l’Italia è la penultima nazione Europea per numero di laureati e per i fondi destinati alla scuola). Ma da questa storia emerge un’altra importante considerazione: la cultura, cresce e germoglia dal basso, dall’humus fertile di chi ha voglia di imparare, di mettersi in gioco; dalla volontà e dalla determinazione delle nuove generazioni.

Consigli di lettura

I fiori della piccola Ida – Fiaba illustrata

Pubblicato il

C’è in questa fiaba la stessa giocosa e sognante inquietudine del soldatino di stagno, dei sette in un bacello, della collana di perle, della teiera, dell’ago da rammendo, delle candele, insomma di quelle fiabe in cui Andersen dà voce alle minuterie delle stanze dei bambini, dei cassetti, delle ceste del cucito, quasi che gli oggetti – e solo essi – potessero raccontare del mistero e della bellezza peritura dell’infanzia, con il tempo limitato delle nursery, sospese, come le ore della notte, nello spazio di una casa.

Consigli di lettura

Mistero nella casa di bambole – Libro illustrato

Pubblicato il

La casa di bambole della regina Mary, avendo tutto ciò che ci si aspetta da una regale dimora, non poteva non avere anche un suo peculiare mistero: un fantasma, uno spirito femminile che vive nelle numerose stanze della villa all’insaputa dei suoi costruttori, dei visitatori e perfino della regina stessa; tuttavia, al mattino, quando i custodi della casa di bambole, sollevano i coperchi per controllare che tutto sia in ordine, trovano sempre vasche da bagno piene di schiuma, stoviglie usate sulla tavola, lenzuola stropicciate.

Consigli di lettura

Anna Bolena – Narrativa dai 15 anni

Pubblicato il

Ai miei tempi, quando si aveva dodici anni succedeva una cosa straordinaria: tutto il mondo della letteratura si spalancava ai tuoi piedi. Non che prima non ci fossero incursioni nella libreria dei genitori, anzi, alcuni libri rubati e letti nel segreto della propria camera rappresentavano ghiotti bottini; ma a dodici anni – più o meno con l’ingresso alla scuola media – le incursioni non solo erano autorizzate, ma perfino incoraggiate.