Le Fola Fée

Scritto il 17 marzo 2014 nella sezione Blog
biancaneve

Illustrazione di Nancy Ekholm Burkert

Seguire le briciole aspettando la prima edizione del Festival della Fiaba, è diventata oramai un’abitudine non solo per gli affezionati ospiti della libreria, ma per tutti coloro che da Modena, Bologna e Reggio Emilia si spostano seguendo l’istinto sempre verde del loro immaginario.
Le Fola Fée hanno meditato e intessuto storie per tutto l’inverno e ora sono pronte a far germogliare il loro lavoro.
Due gli appuntamenti che le vedono esibirsi a Radice-Labirinto e a Bologna.


Martedì 18 Marzo, Ore 21 – Carpi

presso la libreria Radice-Labirinto
Rosa das Rosas

Rosa bianca e rosa rossa, sacro e profano, la perla e il drago. Attraverso due fiabe reinterpretate da Angela Carter esploreremo i significati profondi delle due rose mistiche da sempre intrecciate all’anima femminile.

Mercoledì 2 Aprile, Ore 21 – Bologna

presso ZOO, Strada Maggiore 30/A
Vassilissa e la luce nel buio

Cosa significa il nome Fola Fée?

logo china movimento

Il logo di Silvia Molinari

Sicuramente volevamo che il nostro nome fosse evocativo e un po’ misterioso, ma gradevole da pronunciare. Così abbiamo giocato con le parole, parole leggere, musicali e dense di significato.
Fola è un termine di origine popolare e a seconda delle sue declinazioni può significare racconto, bugia, scherzo. Una parola cangiante che si adatta di volta in volta al senso della frase. Desiderio delle Fola Fée è quello di arrivate al cuore del significato delle storie che narrano, cantando e mettendo in musica con grande sensibilità il carattere di ogni brano, per portare a voi storie divertenti, malinconiche, luminose, misteriose o drammatiche. Le storie curano, e come in passato esse possono essere raccontate su diversi livelli: la parola, la danza, il canto, la musica.
La versatilità è un elemento fondamentale che alimenta la scelta narrativa e musicale in cui l’una si plasma sull’altra integrandosi e calibrandosi sulla cifra stilistica ed emotiva di volta in volta evocata.
Le Fée sono “le fate” in lingua francese, creature dei boschi e dei laghi benevole o irriverenti a seconda della luna o dell’indole di chi le incontra. Una delle prime raccolte di fiabe popolari fu Le Conte de Fée di Charles Perrault del 1697. Racconti di Fate appunto.
Le Fola Fée richiamano dunque uno dei libri di fiabe più popolari di tutti i tempi che contiene le storie del nostro immaginario archetipico e collettivo e dal quale, in un certo senso, muovono tutte le storie del mondo, tutte le Fole.

fola-fee-in-libreria (4)

Le Fola Fée

Un gioco di parole che unisce la preziosità delle storie alla potenza della voce sia essa quella della chitarra di Annalisa Lugari, del canto e della danza di Valentina Lugli o delle fiabe di Alessia Verdefoglia. Ogni Fola Fée porta qualcosa della propria leggerezza e del proprio colore: lo studio della musica classica, la vibrazione di canti popolari e della danza, il sapere di una libraia. La propria personale ricerca nel mondo dell’arte, così intensa e in continuo divenire.
In trasparenza, come le ali delle storie e delle fate e come nel logo disegnato per noi da Silvia Molinari, queste tre competenze si fondono insieme per portare a voi l’incanto di una storia narrata ad alta voce.

Le Fola Fée:
Voce narrante: Alessia Napolitano
Canto e danza: Valentina Lugli
Chitarra classica: Annalisa Lugari

Foto Le Fola Fée: Alex Class Photography

TwitterGoogle+LinkedInShare